23.12.09

Buon Natale! - Merry Christmas!

Auguri di buone feste a tutti i nostri lettori! Festeggiamo con una nuova testata a tema natalizio... qui sotto, la pinup in versione grande!
Merry Christmas and a happy new year to all our readers! Here's the bigger version of the new pinup for the headline!


19.12.09

Sketches past, present and future

Una po' di studi inediti da tutta la serie!
Some unpublished sketches from the whole series!

Mission.01:
Studio di urko. :)
Urk study. :)



Mission.02:
Uno studio preliminare di Sudoka. In seguito il costume è stato ridisegnato dato che questo design non mi piaceva.
A preliminary sketch of Sudoka. Later the costume underwent a redesign because I was not satisfied with this version.



Mission.03:
L'ambasciatore di Chapala, il "pianeta degli indiani"
The ambassador of Chapala, the "indians' planet"


Il vestito da sera indossato da Tammy al ricevimento di Nakakata. Questo ha richiesto un certo lavoro di ricerca sui vestiti nativo americani. L'obbiettivo era di immaginare un vestito da sera alla moda creato da una cultura nativo americana sviluppatasi indisturbata fino all'era moderna.
Tammy's nightdress for Nakakata's party. This required quite some of research on native american clothing. The target was to picture out how could look a fashion nightdress created by a native american culture which developed to modernity without interferences.



Mission.04:
E ora i preview!!! Questo inquietante mostro poliposo apparirà nel numero 4... che ne dite, vi suggeriscono qualcosa quei tentacoli? ;)
And now for some previews!!!  This creepy squishy monster is from issue #4... do those tentacles ring a bell? ;)



Un po' più bello da vedere, questo attraente giovanotto di nome Lance sembra pronto a stregare una certa Fairy Cop di nostra conoscenza! Sarà il "principe azzurro" che Viola attende da tanto tempo? Vedremo...
A more pleasant view, this handsome young man named Lance seems ready to seduce a certain Fairy Cop! Is he going to be the "charming prince" Viola has been waiting so long? Just wait and see...


11.12.09

Character Profile // Ohi-Ling


DATI PERSONALI:
Nome: Ohi-Ling
Età: diciamo 18 anni... le minorenni possono fare sesso solo nei manga.
Altezza: 1,61 m
Misure: 76-58-80
Capelli: Neri
Occhi: Blu scuro
Carnagione: Chiara, asiatica
Parentele note: Figlia di Long-Ling (imperatore di Chu-Chan) e Saeko (ex principessa di Suki-Hame, deceduta); nipote di Yum-Ling (sorella minore dell'imperatore).
Animale del cuore: Lumaca
Citazione: "Ohi-Ling continuerà a lottare al fianco delle sue amiche finché pace e giustizia non trionferanno nella galassia!"


RUOLO:
Quando l'Orcaccolo ha deciso di accogliere la richiesta di Ohi di unirsi alle Fairy Cops in seguito al suo tentato rapimento, il primo commento spontaneo di Viola è stato: "Oh, beh... immagino che dopotutto ci serviva una mascotte."
Tuttavia, a dispetto del ruolo che spesso si ritaglia come spalla comica del gruppo, Ohi-Ling sa dimostrare il proprio valore. Si intende più di chiunque altro nella squadra di arti mediche, e nelle missioni più pericolose un buon guaritore al proprio fianco fa sempre comodo (anche se si serve di strani unguenti orientali dalla dubbia provenienza!).

Ha sviluppato grandi capacità atletiche: agilità, velocità, equilibrio, coordinazione sono decisamente sopra la media umana e possiede anche una notevole flessibilità muscolare e scheletrica, che la rende un'ottima artista della fuga. Gli anni trascorsi al monastero di Pom-Pin l'hanno resa inoltre una dei più abili maestri di arti marziali della galassia, anche se il suo entusiasmo e la sua giovane età la portano talvolta a commettere clamorosi scivoloni. Nonostante questo, però, riesce a cavarsela in molte situazioni, attraverso un misto di convinzione e fortuna. Il suo punto di forza principale è forse proprio l'impegno che riesce a mettere in tutto ciò che fa; il suo forte senso di giustizia, per quanto sdolcinato, riesce a motivare anche le sue compagne e questo la rende un po' il "cuore" della squadra. Una specie di coltellino svizzero "made in Chu-Chan", insomma...


(Ohi si "rende utile" in un esperimento di Annika...)



ABILITA':
Secondo i monaci di Pom-Pin, Ohi-Ling possiede un vasto potenziale mistico in attesa di emergere col raggiungimento della piena maturità fisica ed emotiva. Gli stessi monaci che l'hanno allevata ritengono inoltre che l'uomo che prenderà la sua verginità assorbirà tale energia divenendo invincibile; si crede che sia per questo che il Supermaniaco è fortemente interessato a rapirla. Allo scopo di proteggerla, essi hanno posto un incantesimo sulla sua vagina che crea un campo di energia che impedisce a qualsiasi cosa di entrare ed è addirittura in grado di fulminare chiunque tenti di penetrarla. Sfortunatamente, questo le preclude anche la fruizione di normali rapporti sessuali, almeno fino al matrimonio.

Ohi possiede anche alcune abilità minori meno note, piccole manifestazioni del suo potenziale latente simili a gocce che traboccano da un vaso pieno. La sua saliva ha grandi proprietà curative; attraverso le tecniche apprese durante la sua educazione è in grado di controllare alcune funzioni corporee involontarie, ad esempio la secrezione di certi fluidi; in più, sembra che il contatto fisico con lei procuri un piacere sopra la media.


PERSONALITA':
Onesta, zelante ed entusiasticamente devota alla causa della giustizia, Ohi-Ling possiede una carica di ottimismo che sembra in grado di contagiare tutti. Dietro la sua aria da ragazzina imbranata si cela una personalità forte, probabilmente più di quanto lei stessa crede, anche se ancora immatura. Apparentemente ingenua, in molti commettono l'errore di sottovalutarla, ma è più sveglia e intelligente di quello che da' a vedere. E' anche maliziosa, e avida di nuove esperienze, soprattutto in ambito sessuale; gli anni della sua adolescenza trascorsi nel lontano eremo di Pom-Pin l'hanno lasciata con un'insaziabile curiosità verso il mondo esterno e un elementare bisogno di affermazione personale in opposizione agli obblighi che altri le hanno imposto. Purtroppo la prolungata mancanza di contatto col mondo "vero" le ha impedito di maturare emotivamente, ne consegue che ha una visione semplicistica della realtà, in cui tutto può rientrare in un'ottica di giusto o sbagliato, e le persone sono buone o cattive. Anche per questo ha preso abbastanza alla leggera la sua relazione con Shauna, forse sottovalutandone l'impatto emotivo per entrambe. Inoltre prova rancore e delusione nei confronti del padre, che incolpa per i suoi anni di "clausura" e per averla fatta sentire abbandonata, anche se in realtà lo conosce poco. Per molto tempo si è calata nel ruolo di principessa e di sposa a cui altri l'hanno destinata, ma da quando ha incontrato le Fairy Cops ha iniziato a pensare di poter essere qualcosa di più di una semplice merce di scambio in un gioco politico; la richiesta di unirsi alla squadra è stata per lei soprattutto l'occasione di evadere dagli obblighi regali che l'avevano relegata in una condizione di semi-schiavitù e vivere finalmente come una ragazza normale, libera di fare le proprie esperienze.

BACKGROUND:
Se altre Fairy Cops hanno un passato avvolto nel mistero, quello di Ohi-Ling costituisce un fardello da cui la diretta interessata si libererebbe volentieri se solo potesse.

Originaria per metà dell'impero stellare di Chu-Chan e per metà del Suki-Hame, la sua nascita servì a suggellare la pace tra questi due mondi che si erano combattuti per moltissimo tempo. La sua stessa esistenza divenne un simbolo dell'unione delle due case reali e una concreta speranza di unificazione futura per popoli che si odiavano da secoli. Proprio per questo la sua vita è stata ripetutamente minacciata da individui loschi e potenti che avevano interesse a distruggere la fragile pace ottenuta. Passò i primi anni della sua vita su Chu-Chan, che imparò a considerare la sua madrepatria, ma a causa di pressioni ricevute dal governo del Suki-Hame le fu insegnato il sukihamese come lingua madre.

Quando il suo potenziale mistico venne scoperto, rendendola uno strumento ancora più prezioso nella formazione di nuove alleanze, l'imperatore Long-Ling fu costretto a separarsene affidandola ai potenti monaci di Pom-Pin, affinché fosse protetta ed istruita al suo difficile ruolo di futura imperatrice di due mondi rivali. Ohi-Ling trascorse quindi gran parte della sua infanzia e la sua adolescenza in un tranquillo monastero lontano dal resto della galassia, ricevendo solo sporadiche visite da parte del padre a causa dei suoi impegni pubblici e perdendo precocemente la madre per via di una malattia. Il governo di Chu-Chan ha concordato il suo matrimonio con Mah-Jhonng, principe ereditario di un minuscolo ma ricchissimo pianeta, progettando attraverso questa unione di ottenere capitali sufficienti a far uscire il paese dalla grave crisi economica seguita all'ultima guerra col Suki-Hame. Per il Chu-Chan è quindi di importanza fondamentale che questa unione avvenga al più presto. L'improvvisa richiesta di Ohi di unirsi alle Fairy Cops ha suscitato accese polemiche presso il gabinetto dell'imperatore, ma a dispetto di ciò e all'insaputa di Ohi stessa è stato proprio Long-Ling ad avallare il suo ingresso in squadra e a chiedere il rinvio del matrimonio. Tutto fa pensare che le sia stata concessa una sorta di libertà provvisoria dai suoi doveri dinastici; ma per quanto durerà? E soprattutto, quando verrà il momento di tornare alla sua vecchia vita... Ohi-Ling vorrà farlo?

SESSUALITA':

Con l'adolescenza "monastica" che ha avuto e un matrimonio combinato davanti a sé, era scontato che alla prima occasione di libertà Ohi-Ling si lasciasse prendere dalla voglia di sperimentare. Un po' come per tutto il resto, alla base dei desideri sessuali di Ohi c'è soprattutto la voglia di provare nuove cose, arrivando a trasgredire, a riaffermare la propria capacità di iniziativa. E' stata educata a compiacere il suo futuro sposo, ma ormai non si accontenta più di questo e grazie al rapporto con Shauna ha scoperto il piacere di essere parte attiva. Nonostante abbia sempre creduto di essere eterosessuale, Ohi si è resa conto di possedere anche desideri lesbici, divenendo di fatto bisex, anche se in maniera meno netta di Shauna. In effetti per lei il rapporto con Shauna è più un'espressione di forte amicizia che non di amore vero e proprio, e non la porta a escludere l'attrazione per gli uomini.

Probabilmente è proprio questo atteggiamento curioso ed entusiasta che rende il sesso con Ohi così divertente. Non c'è gioco erotico che non sia disposta a provare o posizione che non sia in grado di raggiungere (ricordiamoci quanto è flessibile!). Regge bene anche alle tendenze sadomaso di Shauna, e questo la rende una compagna ideale per certi giochi. L'unica limitazione è l'incantesimo che protegge la sua vagina da qualsiasi forma di penetrazione; per aggirare il problema e raggiungere l'orgasmo, Ohi è arrivata a perfezionare una serie di particolari tecniche che le consentono di godere dal culo, rendendola una vera e propria principessa dell'anal. Un misto di ingenuità e malizia, insomma, a cui è difficile resistere.

CREAZIONE DEL PERSONAGGIO
Ohi-Ling è il personaggio in cui ho concentrato maggiormente il mio desiderio di creare una parodia delle ragazze dei manga.

Avete presente quelle sgualdrinelle dei cartoni e dei fumetti giapponesi? Sì, proprio quelle che fanno sempre finta che non gli va mentre si lasciano fare le cose più porche.

Col senno di poi posso dire che forse sotto questo aspetto non sono riuscito a fare esattamente quello che volevo. Sarà che dentro di me provo troppo rispetto per l'intelligenza di una donna per pensare che una va a letto con qualcuno e tutto il tempo fa vedere che si ribella (ma con poca convinzione), si vergogna, arrossisce, cerca di dissuadere il partner dall'eseguire QUALUNQUE atto nel procedere del rapporto per poi fare tutto lo stesso, piagnucolando e protestando... onestamente, lasciatemelo dire, a me si smoscerebbe. Se una fa così, un uomo normale pensa che sta violentando una povera innocente. Piuttosto ci faccio una mano a scopa che almeno mi diverto.



In realtà noi occidentali abbiamo talvolta difficoltà a capire la cultura di altri popoli. L'immagine che prevale dai prodotti di intrattenimento erotici giapponesi è quella di una donna che fa spesso da oggetto passivo nell'ambito della sessualità, quando noi invece abbiamo creato molte (fin troppe) eroine aggressive ed emancipate. Le protagoniste di queste opere sono quasi sempre timide, remissive, soggette ad avances a cui non sono in grado di resistere; ci fanno provare il brivido della costrizione, quasi dello stupro. Il rapporto sessuale diviene motivo, se non di violenza, di una più o meno tacita sopraffazione fisica e psicologica. E se è vero che la fantasia non rispecchia necessariamente la realtà, essa mantiene la capacità di comunicare "tra le righe", rivelando concetti e modi di pensare presenti nella mentalità di un popolo.

Si tratta, credo (e qui voglio precisare che parlo non da "esperto" ma da semplice fruitore di prodotti d'importazione che ricava una sua impressione, se pensate che sbaglio correggetemi pure), di un'eredità culturale antica e radicata in alcuni popoli asiatici, di stampo decisamente maschilista, che vuole la donna imbarazzata di fronte alle passioni, educata, timida, pura, tutta compita nel suo ruolo sociale di angelo del focolare, che cerca faticosamente di evitare il sesso o al massimo lo subisce in funzione della soddisfazione dell'uomo - che ovviamente diviene un porco schifoso sempre pronto ad approfittarsi! Un modo come un altro, forse, per il maschio di riconquistare la propria dominanza di fronte a ragazze che si sono emancipate da un pezzo e non obbediscono più con un inchino. Con queste premesse il semplice fatto di mostrare una donna che abbia voglia di farlo senza assumere automaticamente il ruolo di vittima appare già di per sé una eccitante trasgressione. Ammetto, in quanto maschio, che l'idea in sé della donna-oggetto può avere un certo fascino (ed ecco la mia ragazza che mi tira la orecchie!), ma onestamente, per me questa immagine della donna è così poco credibile che non sono riuscito ad attribuire ad Ohi-Ling una personalità tanto scialba e remissiva, anche se era quella l'idea da cui ero partito. Lavorando alle sceneggiature ho capito che ciò che volevo era un personaggio in grado di travestirsi, di fare la "Sailormoon" con le sue apologie sdolcinate su pace e giustizia, con le sue improbabili mosse di arti marziali e le sue buffe frasi mezze giapponesi che finiscono sempre con due punti esclamativi, ma allo stesso tempo capace di esprimere dei valori di emancipazione autentici. E inevitabilmente la parodia di una cosa già ridicola di per sé non può che diventare qualcosa di più serio, per contrapposizione. Da qui la scelta di dare a Ohi un background drammatico con popoli e dinastie in guerra: secondo me il valore aggiunto di questo personaggio scaturisce proprio dal contrasto tra le sue origini così serie e il modo paradossale con cui si presenta sulla scena. Come dire che anche se oggi si comporta come una mocciosa ingenua e sfacciata, il suo destino è lì che la attende; per lei, che si è lanciata nell'avventura con tanto entusiasmo, sarà inevitabile a un certo punto trovarsi di fronte a delle scelte durissime, che la costringeranno a diventare una donna, e forse addirittura una vera sovrana. Rimane emblematica la prima immagine di Ohi nel secondo episodio: quella di una principessa triste, quasi una bambola di porcellana, costretta dalla ragion di stato ad essere scambiata come una merce per la salvezza del suo popolo, denudata pubblicamente per mostrare la sua purezza, mantenuta vergine per forza con una cintura di castità magica che le impedisce di fare sesso; un'immagine a cui lei stessa cerca di sfuggire attraverso la crociata erotica delle Fairy Cops. Un'immagine inevitabilmente destinata a inseguirla e con cui un giorno dovrà confrontarsi.

Se avete opinioni in merito, sarei felice di conoscerle. Ciao a tutti e alla prossima!

3.12.09

DOWNLOAD - Mission.03 // Espionage ENGLISH VERSION

The English version of episode #3 - Espionage is available.

Tammy must find out what's going on between the shogun of Suki-Hame and the Supermaniac's sept. A dangerous espionage mission set in the halls of oriental high society which will bring her to discover unsuspected secrets... and hidden truths about herself.

Click here to download.

DOWNLOAD - Mission.03 // Spionaggio

Disponibile per il download Spionaggio, il terzo episodio di Fairy Cops! Click qui per scaricare.


In questo episodio

Tammy deve indagare sui rapporti illeciti tra lo shogun del pianeta Suki-Hame e la setta del Supermaniaco. Una pericolosa missione di spionaggio ambientata nei salotti della nobiltà orientale che la porterà a scoprire insospettati retroscena... e sconvolgenti verità su se stessa.

Dietro le quinte
Spionaggio è l'ultimo episodio di Fairy Cops prodotto per Coniglio Editore, serializzato sui numeri 90, 92 e 94 di X Comics. E' stato sicuramente il più difficile e ambizioso da realizzare tra tutti gli episodi usciti finora, per via della ricchezza di elementi di sceneggiatura di cui tener conto e della varietà di ambientazioni. Questo numero fornisce un primo sguardo approfondito sul passato di Ohi-Ling, nonché sulla storia della Federazione di Gonadia, sulle origini del P.U.S.S.Y. e sulla setta guidata dal Supermaniaco, gli Inseminati (ovviamente ispirati alla famosa Società degli Illuminati). Rivelazioni come se piovesse, quindi... tra un amplesso e l'altro!

Siamo giunti al termine degli episodi già fatti, come ho detto, ma non disperate cari lettori, perché abbiamo intenzione di realizzarne altri e i lavori sono già iniziati, per cui vedrete presto delle anteprime.

Alla prossima!

13.11.09

Random sketches: Tammy

Bene bene, rieccoci qui, mi spiace per la scarsità di aggiornamenti nell'ultimo mese ma il lavoro su Huntik Magazine mi ha tenuto molto occupato... vedremo di rifarci! E cominciamo subito a rifarci gli occhi, per l'appunto, con questi schizzi inediti della dolce Tammy, by Rem. E mi raccomando, ricordatevi di votare al nostro nuovo sondaggio che trovate nella sidebar!


26.10.09

Mission.02b ITA errata corrige

Su segnalazione di un nostro visitatore ci siamo accorti che a causa un errore di compilazione il PDF in italiano dell'episodio 2/b, "Addestramento", conteneva una pagina della versione in inglese. Potete scaricare qui la versione corretta. Ci scusiamo per l'errore e ringraziamo l'anonimo utente per averci avvertito :)

17.10.09

DOWNLOAD - Mission.02b // Training ENGLISH version

The English version of Training, the short story concluding Mission #2, is available for download!

DOWNLOAD - Mission.02b // Addestramento

Disponibile per il download Addestramento, una storia breve che fa da epilogo al secondo episodio! Click qui per scaricare.


In questo episodio
Ohi-Ling è entrata a far parte delle Fairy Cops. Ma per diventare un membro della squadra a pieno titolo dovrà superare il corso di addestramento di Shauna... e ci sarà da sudare!

Una divertente avventura a base di sesso lesbo pubblicata originariamente su X Comics 88.

9.10.09

Omaggi: Luisa Russo (Tammy)

Oggi Luisa Russo, disegnatrice di Jonathan Steele, ci offre questa sensuale Tammy. Grazie mille! :)


2.10.09

Character Profile // Annika


DATI PERSONALI:
Nome: Annika
Alias conosciuti: -
Età: 25 anni
Altezza: 1,78 m
Misure: 85-60-85
Capelli: Biondo platino
Occhi: Azzurro-verde
Carnagione: Chiara
Animale del cuore: Più che altro ha delle cavie da laboratorio...
Citazione: "La resistenza è... gratificante."


RUOLO:
Annika è quel che si dice il “cervello” del gruppo. Nella squadra ricopre il ruolo di ufficiale scientifico.
Oltre ad essere un’esperta in tattiche di guerriglia e combattimento corpo a corpo, è dotata di una mente supergeniale con un QI che ha pochi eguali in tutta Gonadia. Sembra avere la capacità di comprendere e utilizzare qualsiasi tecnologia aliena; vanta diverse lauree in matematica, fisica, ingegneria e informatica. Ha un'approfondita conoscenza della tecnologia degli Antiquati e in particolare dei principi di funzionamento del P.U.S.S.Y.

ABILITA':

Oltre alle sue incredibili capacità intellettive, Annika possiede un'elevata tolleranza agli stimoli fisici. Non è in grado di provare piacere e la sua soglia del dolore è estremamente alta, e questo la mette in condizione di sopportare esperienze che annienterebbero chiunque altro. D'altro canto, il suo handicap nel provare sensazioni la pone spesso in difficoltà nei rapporti interpersonali. Queste facoltà sono frutto di un misterioso incidente avvenuto nel suo passato (vedi background).

PERSONALITA':

Contrariamente alle sue compagne di squadra, Annika non è una persona con cui risulta facile relazionarsi. Se il suo atteggiamento freddo e poco avvezzo ai compromessi e la sua mentalità spietatamente scientifica non la rendessero già abbastanza scostante, a completare l'opera ci penserebbero una fissazione per la precisione che sfiora la pignoleria, il suo bisogno di razionalizzare ogni scelta e il suo snervante eloquio da saggio universitario. Quando non apertamente ostile al suo prossimo, Annika resta comunque distante, apparentemente lontana a livello emotivo da ogni situazione. Una volta scelta una linea d'azione, Annika è disposta a qualsiasi cosa per portarla a termine, e per questo molti la considerano simile a una macchina implacabile. La sua determinazione ferrea e inflessibile nel perseguire i propri obbiettivi la spinge a sacrificare se stessa e gli altri pur di conseguirli; questo spaventa e intimidisce chi le sta intorno al punto che pochi riescono a fidarsi davvero di lei. 
Non è chiaro se questo suo atteggiamento derivi semplicemente da una chiusura vera e propria insita nel suo carattere o costituisca piuttosto un comportamento difensivo di qualche genere; in effetti, nessuno sa come sia veramente Annika nel profondo del suo animo, dato che non permette a nessuno di avvicinarsi a lei. Un'altra ipotesi è che l'incidente che le ha tolto gran parte della facoltà di provare sensazioni abbia finito per provocarle un senso di isolamento e che questo, col tempo, abbia influenzato il suo carattere finendo per renderla fredda e distaccata anche emotivamente.
Tra le sue qualità positive si possono annoverare una spiccata fedeltà al dovere (frutto forse più della sua testardaggine che dei suoi principi morali) e un forte, seppur per certi versi macabro, senso di giustizia, che si accompagna a una sorta di humor nero. Il suo odio per il Supermaniaco e i suoi seguaci è cristallino e sembra  essere l'unica emozione che Annika non riesce a nascondere.




BACKGROUND:
Un po' come Viola, anche Annika ha nel suo passato dei grandi punti interrogativi.
Annika è nata su Genaia, ma sua la famiglia era originaria di Asgard, un pianeta federale dalle radici culturali nordiche. Brillante fin dall'infanzia, il suo genio non tardò ad affermarsi nella comunità scientifica ad un'età in cui le sue coetanee andavano ancora al liceo. Ad appena 19 anni divenne ufficiale scientifico capo sulla stazione spaziale Ylenia-5, dove si compivano ricerche segrete sul P.U.S.S.Y. e su altri artefatti dell'era Antiquata. Curiosamente, le poche testimonianze dell'epoca parlano di lei come di una persona timida e riservata, guardata con tenerezza dai suoi colleghi. Poi, un evento misterioso cambiò tutto. Il C.U.L.O. classificò l'episodio Top-Alfa Secret, col nome di Incidente S. Da allora di Annika si perde pressoché ogni traccia fino al suo reclutamento nella squadra Fairy Cops. Tra tutte è stata l'unico membro del team scelto non da Viola, ma dall'Orcaccolo, e forse per questo e per via del suo passato misterioso Viola ha sempre mantenuto in segreto un occhio speciale puntato su di lei. Quale che sia la verità su Annika, è una verità gelosamente custodita e dai risvolti oscuri, che resta in attesa di essere svelata.

SESSUALITA':

La prima impressione rivelata da chi ha fatto sesso con Annika* (*dato registrato tramite un sondaggio a campione su 500 intervistati) è "una macchina".
In fatto di sesso, Annika è virtualmente insaziabile. La pressoché totale incapacità di provare piacere fisico la spinge continuamente a ricercare esperienze estreme; in questo modo spera, finora invano, di trovare qualcosa in grado di risvegliare la sua libido perduta. Per questo si sottopone passivamente a orge di gruppo, anche per ore e ore consecutive, umiliazioni, bondage, frustate e torture di vario genere che vanno dalla cera bollente, alle mollette elettrificate, al piercing forzato e anche molto di più. Nonostante questo sembra non averne mai abbastanza e in genere riesce a stancare prima di lei perfino chi abusa del suo corpo. In missione usa questa facoltà a suo vantaggio per snervare i nemici quando si trova sotto interrogatorio. Di base Annika è eterosessuale, ma la sua tendenza a ricercare esperienze nuove ed estreme la porta a non sottilizzare nemmeno di fronte a rapporti omosessuali, promiscui o interspecie; va bene tutto insomma, basta che siano forme di vita a base di carbonio... perché le altre, a volte, le danno un po' allergia.

HOBBY: Nel suo tempo libero, a parte frequentare posti dalla reputazione a dir poco dubbia, Annika ama eseguire strani esperimenti scientifici, spesso con risvolti perversi.

CREAZIONE DEL PERSONAGGIO:
Annika è un altro personaggio nato graficamente da una costola della fan fiction W.i.t.c.h.2, di cui ho parlato nel profilo di Viola. Il suo aspetto fisico è ripreso dalla "Ice Witch", una Witch con poteri correlati al freddo e al ghiaccio. Non ricordo, in effetti, se già allora le avevo scelto Annika come nome, ma volevo che nella vita di tutti i giorni fosse una campionessa di pattinaggio sul ghiaccio di origini nordeuropee. Ecco alcuni vecchi bozzetti di Luisa Russo:



 

 



Per quanto riguarda la sua caratterizzazione, invece, Annika deve molto alla ben più celebre Sette di Nove, la sexy Borg di Star Trek Voyager interpretata dalla splendida Jeri Ryan. Alta, intelligentissima e, diciamolo, bona come la torta di mele replicata, Sette era il modello ideale a cui ispirarsi per la creazione di Annika, tant'è che scelsi addirittura di darle lo stesso nome civile - il nome umano di Sette di Nove è, infatti, Annika Hansen. L'influenza di Sette nella creazione del personaggio si rispecchia soprattutto nel suo modo di parlare tecnico-barocco, che in Star Trek ho sempre adorato. Anche la scelta del colore verde per il costume è un'espressione delle sue origini un po' "Borg".

Al di là dell'ilarità che suscita il suo sfacciato cinismo e il suo sottoporsi con entusiasmo a porcherie di ogni genere, nella mia visione Annika è un personaggio triste, che vive il dramma di un'esistenza che non è in grado di realizzare pienamente: sempre alla ricerca di emozioni, eppure incapace di provarle davvero, rimane distante da tutto e tutti, come intrappolata in un corpo bellissimo che tuttavia non riesce a darle gioia, al punto che una parte di lei ha dimenticato come amare gli altri. Proprio per via di questa sua psicologia complessa e dei misteri che la circondano il personaggio è destinato a importanti sviluppi nella saga delle Fairy Cops.

25.9.09

Omaggi: Bokuman (Viola)

Bokuman è un artista molto popolare su DeviantArt. Ha creato per noi questa bellissima pinup di Viola! Che aspettate a visitare il suo sito?

For artists and editors - Per autori ed editori

Are you an editor? We are always looking for new opportunities. If you are interested in printing Fairy Cops in your country or simply in a collaboration, please contact us, we'll be glad to talk about it.

Are you an artist? Whether you are Italian or foreigner, a professional or a beginner, or even if you draw just for fun, you may contribute to this blog. If you create and send us a little homage to Fairy Cops, we will post it and give you credit. Make sure you include a small bio or resume of yourself and a link to your own website or your contact information, so we can support you!
The artwork will be marked with the brand of this site and copyright information for the sole purpose of online publication and to avoid art theft, but you will hold all the intellectual property of your work. You can have it modified or removed by your request and we will not use it for any other purpose without authorization. Submissions must be made via email in jpeg format, no wider than 2000x2000 pixels and no larger than 3 MB. The artwork can be created using any technique or style of your preference; nudity or sex can be included by your choice, we are down with that. Anything goes, from a 1-minute sketch to a refined picture. We will hold the right, though, to examine your artwork and decide if it is fit for publication on this blog. Exceedingly poor quality can be a reason for non-publication, though we will greatly appreciate the effort anyway. Published works can be removed at any time by our decision. We will not accept, in any case, submissions featuring inappropriate content, such as racism, child pornography, extreme violence, or alike. Thanks for your support!
Click here to check out a list of posted tributes.

~~~~~~~~~

Sei un editore e può interessarti pubblicare Fairy Cops, o anche solo lavorare con noi? Siamo sempre alla ricerca di nuove opportunità. Contattaci, saremo felici di parlarne!

Sei un artista italiano o straniero? Un professionista, o anche un esordiente, o magari disegni per diletto? Se ti piace questo blog anche tu puoi contribuire. Crea e inviaci un omaggio a Fairy Cops, lo posteremo e inseriremo i tuoi credits. Assicurati di includere una tua piccola biografia/curriculum e un link al tuo sito web o le tue informazioni di contatto, così potremo farti un po' di pubblicità!
I disegni che invierai saranno marcati con il brand di questo sito e le informazioni di copyright, per il solo scopo della pubblicazione online qui e per evitare furti. Resterai comunque l'unico detentore dei diritti del tuo lavoro; potrai modificarlo o rimuoverlo su richiesta e ci impegnamo a non servircene per alcun altro scopo al di fuori della pubblicazione sul sito, perlomeno non senza previa autorizzazione. Il materiale va inviato via email in formato jpeg; il file non deve essere più largo di 2000x2000 pixel e non più pesante di 3 MB. Puoi usare qualsiasi tecnica o stile a tuo piacimento, includendo senza problemi nudo o scene di sesso. Va bene qualunque cosa, da uno schizzo velocissimo a un'immagine rifinita e colorata. Ci riserviamo comunque il diritto di giudicare i lavori e decidere se sono adatti alla pubblicazione su questo blog; una qualità eccessivamente bassa può precludere la pubblicazione, ma apprezzeremo molto comunque il contributo. Potremo inoltre decidere di rimuovere i lavori in qualsiasi momento, nel caso lo ritenessimo opportuno. Non pubblicheremo, in nessun caso, lavori che propongano contenuti inappropriati quali razzismo, pornografia minorile, scene di violenza estrema e simili. E grazie a tutti i nostri lettori per il loro sostegno!
Clicca qui per visionare tutti i post con omaggi già pubblicati.

21.9.09

DOWNLOAD - Mission.02 // La Principessa

Rilasciato il secondo episodio! Click qui per scaricare.
English version is coming soon!


In questo episodio
Le Fairy Cops vengono incaricate di fare da scorta alla giovane principessa Ohi-Ling, di ritorno al suo pianeta natale dopo lunghi anni di educazione trascorsi nel remoto monastero di Pom-Pin. Ma il Supermaniaco è in agguato, e una semplice missione di scorta si trasforma in una lotta contro il tempo. Riuscirà Annika a resistere alle torture di un gruppo di sadici ninja? E Ohi-Ling è davvero la principessina tranquilla e innocente che sembra? Scopritelo in questo nuovo scoppiettante episodio a base di sesso e arti marziali!

Dietro le quinte
La Principessa è uscito "spalmato" su ben tre numeri di X Comics, 85, 86 e 87, con una ministoria conclusiva sul numero 88 (di prossima pubblicazione su questo blog). Fu una suddivisione dettata da nostri problemi di tempo nel realizzarlo, che mi costrinse ad adottare praticamente ogni scusa per mettere un po' di sesso nella sceneggiatura a ogni piè sospinto, dato che non potevano uscire parti dell'episodio senza erotismo. Molti dicono che non esiste banco di prova più grande per le capacità di uno sceneggiatore dello scrivere fumetti porno in poche tavole e posso confermare senza dubbio che è vero...
Posso solo dire che realizzarlo è stato molto divertente! Me la sono spassata particolarmente nel dare nomi buffi a doppio senso a tutti i personaggi e ai luoghi.
Noterete qui dei piccoli omaggi a manga famosi, come Sailormoon, Dragonball e Naruto. Ohi-Ling è un personaggio che permette di giocare moltissimo con gli stereotipi dei manga e per questo trovo sempre esilarante utilizzarla.
Buona lettura!

15.9.09

La cover scomparsa di Tammy - Tammy's lost cover

Questa pinup fu sviluppata originariamente come proposta di copertina per l'episodio 3, che era appunto incentrato su Tammy. X Comics la bocciò, asserendo che secondo loro era "troppo manga" (???). Comunque, eccovela. Spero che almeno a voi piaccia!

This cover was originally developed as a cover proposal for episode 3, which featured Tammy as the main character. X Comics rejected it, claiming they thought it was "too manga-like" (???).
However, here she is. Enjoy!


Lo schizzo originale:

The original sketch:

13.9.09

Character Profile // Viola

Direttamente dai files segreti trafugati dal C.U.L.O., tutti i dettagli sui personaggi di Fairy Cops che avete sempre voluto sapere ma non avete mai osato chiedere... inclusi quelli più scabrosi!
Oggi abbiamo decriptato il file di Viola, la mora Fairy Cop dal passato misterioso.



DATI PERSONALI:
Nome: Viola
Alias conosciuti: -
Età: 22 anni
Altezza: 1,69 m
Misure: 88-63-85
Capelli: Neri
Occhi: Violetti
Carnagione: Chiara
Animale del cuore: Scimmia
Citazione: "Muoviamoci!"

RUOLO: Viola è la leader del gruppo, col grado di tenente comandante. E' stata scelta per questo comando non solo in virtù delle sue indiscutibili qualità tattiche e relazionali, ma anche per la sua totale fedeltà all'Orcaccolo. Carismatica ma affabile, è l'unica capace di armonizzare le diverse personalità delle sue compagne di squadra.

ABILITA': Esperta in campo tattico, eccelle nella strategia e nell'uso di innumerevoli armi da fuoco. La sua eccellente mira la renderebbe un ottimo cecchino, ma in genere preferisce fare irruzione a pistole spianate e abbattere ogni bersaglio finché non resta nulla che si muove. La sua arma preferita è la pistola al plasma.


PERSONALITA': Coraggiosa e ligia al dovere, quando si tratta di andare in missione Viola sembra non tirarsi indietro davanti a niente. Nervi saldi, sicurezza e competenza sono le qualità che la rendono una leader naturale. Tuttavia, dietro questa facciata di donna d'acciaio si cela una personalità vulnerabile e per certi versi un po' infantile. Qualcosa nel suo passato l'ha fatta sentire abbandonata e questo vuoto affettivo ha segnato il suo carattere. Nel profondo del suo essere Viola prova un disperato bisogno di essere amata e questo la porta ad impegnarsi a fondo per proteggere chi le sta intorno, non importa quanto debba sacrificarsi. Anche il suo apparente disinteresse per il proprio benessere è un aspetto di questa sua natura altruistica. A dispetto della sua bellezza, in amore in realtà è un po' goffa e leggermente repressa, ed è convinta che un giorno incontrerà una sorta di "principe azzurro" che la renderà felice. Gli uomini sono attratti dal suo fisico perfetto, ma allo stesso tempo intimiditi dalla sua forte presenza e questo in qualche modo la limita nei rapporti interpersonali al di fuori del lavoro. In poche parole, Viola attende qualcuno in grado di rivelare il suo io più intimo per donargli il suo cuore... e anche tutto il resto.





BACKGROUND: Il passato di Viola e i suoi legami con l'Orcaccolo sono stati dichiarati Top-Alfa Secret dal C.U.L.O. L'unica informazione di dominio pubblico è che è nata su un pianeta molto lontano, al di fuori della Federazione Gonadiana, e che è giunta su Genaia da bambina ad opera dell'Orcaccolo stesso. Non è noto se abbia una famiglia; l'unico legame col suo passato sembra essere Coco, un vecchio scimmiotto di pelouche con cui è solita dormire. E' entrata in accademia militare a 14 anni e si è diplomata a 19 come miglior elemento del suo corso, avanzando rapidamente di grado nei tre anni successivi e distinguendosi in numerose azioni paramilitari; durante una di queste conobbe Shauna, che nella stessa occasione le salvò la vita. Alle prime avvisaglie dell'ascesa del Supermaniaco, l'Orcaccolo le ha affidato il comando della squadra speciale destinata a combatterlo.



SESSUALITA': Viola è una ragazza portata a dare tutta se stessa e questo si riflette anche nel suo atteggiamento verso la sessualità. Nonostante il suo aspetto provocante, è nota per essere la meno "facile" tra le Fairy Cops, più che altro perché sente il bisogno di avvicinarsi a una persona prima di andarci a letto (cosa non troppo comune nel team!) e perché il suo carattere e il ruolo che ricopre le rendono difficile il semplice lasciarsi andare. Chi riesce a far breccia nella sua scorza di generale di brigata comunque è prono a grandi soddisfazioni. Si dice che sia particolarmente versata nel sesso orale, anche quello più profondo, e che abbia una predilezione per il sapore dello sperma e il versamento facciale. In fondo non conosce davvero quello di cui il suo corpo è capace e non ha ancora imparato ad assecondare il proprio desiderio sessuale represso, per cui spesso si preoccupa più di dare piacere che di riceverlo, e da questo trae sufficiente soddisfazione (o almeno crede di farlo). Il suo orientamento sessuale è fortemente etero e questo la fa sentire a disagio di fronte agli atteggiamenti promiscui (particolarmente quelli di Shauna)

HOBBY: Quando ha tempo per restare sola con se stessa, specie di notte, Viola ama prendere la sua potente moto e lanciarsi a tutta velocità per le strade di Genaia, come a lasciarsi dietro ogni cosa.

CREAZIONE DEL PERSONAGGIO
La genesi di Viola affonda le sue radici in un personaggio che avevo ideato per una vecchia fan fiction di W.i.t.c.h., di cui scrissi un soggetto ma che non realizzai mai davvero. Questa storia si intitolava W.i.t.c.h.2 (da interpretare come "Witch al quadrato") e proponeva un nuovo gruppo di protagoniste, con poteri, costumi e sbocchi narrativi alternativi rispetto alla storia ufficiale del fumetto Disney; l'idea riscosse un certo interesse tra i fans e colpì un paio di disegnatrici mie amiche che ai tempi (era il 2003, mamma mia quanti anni sono passati!) frequentavano il sito PKERS da me gestito, le quali ebbero la bontà di buttare giù qualche concept. Cassandra Winter, o Cassie, era a capo di questo nuovo team e possedeva dei poteri magici che le consentivano di comunicare telepaticamente, da cui il soprannome di "Psychic Witch". Non fu l'unica a subire un riciclaggio, dato anche anche Annika è nata nello stesso modo, ma di questo ve ne parlerò nel suo file. Vi presentiamo qui una serie di bozzetti originali su Cassie, mai pubblicati prima d'ora. Negli episodi futuri di Fairy Cops vorrei trovar modo di tributarle un piccolo omaggio, dato che mi sento ancora affezionato a questi vecchi studi.