26.10.09

Mission.02b ITA errata corrige

Su segnalazione di un nostro visitatore ci siamo accorti che a causa un errore di compilazione il PDF in italiano dell'episodio 2/b, "Addestramento", conteneva una pagina della versione in inglese. Potete scaricare qui la versione corretta. Ci scusiamo per l'errore e ringraziamo l'anonimo utente per averci avvertito :)

17.10.09

DOWNLOAD - Mission.02b // Training ENGLISH version

The English version of Training, the short story concluding Mission #2, is available for download!

DOWNLOAD - Mission.02b // Addestramento

Disponibile per il download Addestramento, una storia breve che fa da epilogo al secondo episodio! Click qui per scaricare.


In questo episodio
Ohi-Ling è entrata a far parte delle Fairy Cops. Ma per diventare un membro della squadra a pieno titolo dovrà superare il corso di addestramento di Shauna... e ci sarà da sudare!

Una divertente avventura a base di sesso lesbo pubblicata originariamente su X Comics 88.

9.10.09

Omaggi: Luisa Russo (Tammy)

Oggi Luisa Russo, disegnatrice di Jonathan Steele, ci offre questa sensuale Tammy. Grazie mille! :)


2.10.09

Character Profile // Annika


DATI PERSONALI:
Nome: Annika
Alias conosciuti: -
Età: 25 anni
Altezza: 1,78 m
Misure: 85-60-85
Capelli: Biondo platino
Occhi: Azzurro-verde
Carnagione: Chiara
Animale del cuore: Più che altro ha delle cavie da laboratorio...
Citazione: "La resistenza è... gratificante."


RUOLO:
Annika è quel che si dice il “cervello” del gruppo. Nella squadra ricopre il ruolo di ufficiale scientifico.
Oltre ad essere un’esperta in tattiche di guerriglia e combattimento corpo a corpo, è dotata di una mente supergeniale con un QI che ha pochi eguali in tutta Gonadia. Sembra avere la capacità di comprendere e utilizzare qualsiasi tecnologia aliena; vanta diverse lauree in matematica, fisica, ingegneria e informatica. Ha un'approfondita conoscenza della tecnologia degli Antiquati e in particolare dei principi di funzionamento del P.U.S.S.Y.

ABILITA':

Oltre alle sue incredibili capacità intellettive, Annika possiede un'elevata tolleranza agli stimoli fisici. Non è in grado di provare piacere e la sua soglia del dolore è estremamente alta, e questo la mette in condizione di sopportare esperienze che annienterebbero chiunque altro. D'altro canto, il suo handicap nel provare sensazioni la pone spesso in difficoltà nei rapporti interpersonali. Queste facoltà sono frutto di un misterioso incidente avvenuto nel suo passato (vedi background).

PERSONALITA':

Contrariamente alle sue compagne di squadra, Annika non è una persona con cui risulta facile relazionarsi. Se il suo atteggiamento freddo e poco avvezzo ai compromessi e la sua mentalità spietatamente scientifica non la rendessero già abbastanza scostante, a completare l'opera ci penserebbero una fissazione per la precisione che sfiora la pignoleria, il suo bisogno di razionalizzare ogni scelta e il suo snervante eloquio da saggio universitario. Quando non apertamente ostile al suo prossimo, Annika resta comunque distante, apparentemente lontana a livello emotivo da ogni situazione. Una volta scelta una linea d'azione, Annika è disposta a qualsiasi cosa per portarla a termine, e per questo molti la considerano simile a una macchina implacabile. La sua determinazione ferrea e inflessibile nel perseguire i propri obbiettivi la spinge a sacrificare se stessa e gli altri pur di conseguirli; questo spaventa e intimidisce chi le sta intorno al punto che pochi riescono a fidarsi davvero di lei. 
Non è chiaro se questo suo atteggiamento derivi semplicemente da una chiusura vera e propria insita nel suo carattere o costituisca piuttosto un comportamento difensivo di qualche genere; in effetti, nessuno sa come sia veramente Annika nel profondo del suo animo, dato che non permette a nessuno di avvicinarsi a lei. Un'altra ipotesi è che l'incidente che le ha tolto gran parte della facoltà di provare sensazioni abbia finito per provocarle un senso di isolamento e che questo, col tempo, abbia influenzato il suo carattere finendo per renderla fredda e distaccata anche emotivamente.
Tra le sue qualità positive si possono annoverare una spiccata fedeltà al dovere (frutto forse più della sua testardaggine che dei suoi principi morali) e un forte, seppur per certi versi macabro, senso di giustizia, che si accompagna a una sorta di humor nero. Il suo odio per il Supermaniaco e i suoi seguaci è cristallino e sembra  essere l'unica emozione che Annika non riesce a nascondere.




BACKGROUND:
Un po' come Viola, anche Annika ha nel suo passato dei grandi punti interrogativi.
Annika è nata su Genaia, ma sua la famiglia era originaria di Asgard, un pianeta federale dalle radici culturali nordiche. Brillante fin dall'infanzia, il suo genio non tardò ad affermarsi nella comunità scientifica ad un'età in cui le sue coetanee andavano ancora al liceo. Ad appena 19 anni divenne ufficiale scientifico capo sulla stazione spaziale Ylenia-5, dove si compivano ricerche segrete sul P.U.S.S.Y. e su altri artefatti dell'era Antiquata. Curiosamente, le poche testimonianze dell'epoca parlano di lei come di una persona timida e riservata, guardata con tenerezza dai suoi colleghi. Poi, un evento misterioso cambiò tutto. Il C.U.L.O. classificò l'episodio Top-Alfa Secret, col nome di Incidente S. Da allora di Annika si perde pressoché ogni traccia fino al suo reclutamento nella squadra Fairy Cops. Tra tutte è stata l'unico membro del team scelto non da Viola, ma dall'Orcaccolo, e forse per questo e per via del suo passato misterioso Viola ha sempre mantenuto in segreto un occhio speciale puntato su di lei. Quale che sia la verità su Annika, è una verità gelosamente custodita e dai risvolti oscuri, che resta in attesa di essere svelata.

SESSUALITA':

La prima impressione rivelata da chi ha fatto sesso con Annika* (*dato registrato tramite un sondaggio a campione su 500 intervistati) è "una macchina".
In fatto di sesso, Annika è virtualmente insaziabile. La pressoché totale incapacità di provare piacere fisico la spinge continuamente a ricercare esperienze estreme; in questo modo spera, finora invano, di trovare qualcosa in grado di risvegliare la sua libido perduta. Per questo si sottopone passivamente a orge di gruppo, anche per ore e ore consecutive, umiliazioni, bondage, frustate e torture di vario genere che vanno dalla cera bollente, alle mollette elettrificate, al piercing forzato e anche molto di più. Nonostante questo sembra non averne mai abbastanza e in genere riesce a stancare prima di lei perfino chi abusa del suo corpo. In missione usa questa facoltà a suo vantaggio per snervare i nemici quando si trova sotto interrogatorio. Di base Annika è eterosessuale, ma la sua tendenza a ricercare esperienze nuove ed estreme la porta a non sottilizzare nemmeno di fronte a rapporti omosessuali, promiscui o interspecie; va bene tutto insomma, basta che siano forme di vita a base di carbonio... perché le altre, a volte, le danno un po' allergia.

HOBBY: Nel suo tempo libero, a parte frequentare posti dalla reputazione a dir poco dubbia, Annika ama eseguire strani esperimenti scientifici, spesso con risvolti perversi.

CREAZIONE DEL PERSONAGGIO:
Annika è un altro personaggio nato graficamente da una costola della fan fiction W.i.t.c.h.2, di cui ho parlato nel profilo di Viola. Il suo aspetto fisico è ripreso dalla "Ice Witch", una Witch con poteri correlati al freddo e al ghiaccio. Non ricordo, in effetti, se già allora le avevo scelto Annika come nome, ma volevo che nella vita di tutti i giorni fosse una campionessa di pattinaggio sul ghiaccio di origini nordeuropee. Ecco alcuni vecchi bozzetti di Luisa Russo:



 

 



Per quanto riguarda la sua caratterizzazione, invece, Annika deve molto alla ben più celebre Sette di Nove, la sexy Borg di Star Trek Voyager interpretata dalla splendida Jeri Ryan. Alta, intelligentissima e, diciamolo, bona come la torta di mele replicata, Sette era il modello ideale a cui ispirarsi per la creazione di Annika, tant'è che scelsi addirittura di darle lo stesso nome civile - il nome umano di Sette di Nove è, infatti, Annika Hansen. L'influenza di Sette nella creazione del personaggio si rispecchia soprattutto nel suo modo di parlare tecnico-barocco, che in Star Trek ho sempre adorato. Anche la scelta del colore verde per il costume è un'espressione delle sue origini un po' "Borg".

Al di là dell'ilarità che suscita il suo sfacciato cinismo e il suo sottoporsi con entusiasmo a porcherie di ogni genere, nella mia visione Annika è un personaggio triste, che vive il dramma di un'esistenza che non è in grado di realizzare pienamente: sempre alla ricerca di emozioni, eppure incapace di provarle davvero, rimane distante da tutto e tutti, come intrappolata in un corpo bellissimo che tuttavia non riesce a darle gioia, al punto che una parte di lei ha dimenticato come amare gli altri. Proprio per via di questa sua psicologia complessa e dei misteri che la circondano il personaggio è destinato a importanti sviluppi nella saga delle Fairy Cops.